lunedì 16 marzo 2015

Bookshop and more... anche se in realtà non proprio #3 Parte 1 di 3

Ciao a tutti! Ecco qui un bookshop and more... anche se in realtà non ho comprato niente.




Scherzo.
Ho semplicemente messo in ordine la libreria e, oltre a tutta la polvere accumulata, ho notato tutti quei libri che ho iniziato a/che volevo leggere ma che non ho mai terminato/iniziato.
Li ho divisi in tre categorie: Inferno (quelli che non leggerò mai lo stesso), Purgatorio (quelli su cui sono indecisa) e Paradiso (quelli che sicuramente leggerò). Oggi scriverò solo quelli dell'Inferno, per gli altri dovrete aspettare.


Iniziamo



THE FAMILIARS la strana storia della rana pasticcione, della ghiandaia blu e del gatto che salvò il mondo dei maghi di Adam Jay Epstein e Andrew Jacobson    Motivi: innanzitutto è un libro da bambini e non so neanche quanto tempo fa l'ho comprato, non l'homai iniziato. Probabilmente sarebbe stato carino, se l'avessi letto nel momento giusto. A quanto ho sentito, dovevano farci un film nel 2012, poi nel 2013, infine posticipato a 2015. Semmai uscirà davvero, lo voglio andare a vedere già solo per sapere di che parla. Ultimo motivo: odio il nome. E non so perchè l'ho comprato. Il figlio del cimitero di Neil Gaiman Motivi: Come The familiars, l'ho comprato quando ero più piccola e dopo un po' l'ho lasciato al suo destino nella mia libreria e ora non riuscirei a rileggerlo. Oltretutto l'autore ha scritto anche Coraline, libro che mi è piaciuto moltissimo.
Il discepolo di Elizabeth Kostova   Motivi: mi sono informata, so che tutti dicono che è bellissimo, ma io un alto libro sui vampiri non lo reggo, credo di aver fatto il pieno per tutta la vita, ho bisogno di vampiri nuovi, tipi di vampiri originali, freschi, creativi e sinceramente Dracula mi sembra la novità meno nuova del secolo. Ed è per lo stesso motivo che scelgo di scartare Io amo un vampiro di Abigail Gibbs ma questo ha anche un altro Motivo: è il secondo di una saga e io non ho il tempo nè la voglia di andare a comprare il primo.

Stay Un amore fuori dal tempo di Tamara Ireland Stone Motivi: L'ho iniziato ma mi è sembrato un po' stupido, banale, quindi ho deciso che non vale la pensa leggerlo ed è finito nell'Inferno. Forse ascenderà ma non credo.    Caccia alla Tigre di Drew Chapman Motivi: Nonostante sia molto strano, sapevo già che questo libro avrebbe fatto una brutta fine poichè era un esperimento, volevo provare a cambiare completamente genere e punto di vista ma non ci sono riuscita e il risultato sono stati 17,90 euro buttati. E vabbè! Almeno ora sono certa che questo genere non fa proprio per me.

Dark Shadows La maledizione di Angelique di Lara Parker Motivi: L'ho comprato solo perchè mi piaceva il film ma è completamente diverso e le prime pagine mi hanno abbastanza annoiato e deluso.  Il trono di spade di George R.R, Martin Motivi: Troppo lungo, troppi morti, w la serie tv. E non ci credo che è solo il primo volume.






Mare di papaveri di Amitav Ghosh Motivi: Il motivo è semplice, è un libro estivo, avevo finito tutti i libri in vacanza e non potevo restare senza leggere, purtroppo ho scelto un libro orrendo. Sconosciuto per ottime ragioni. Diario di un'adolescenza rubata di Jane Elliott Motivi: strano ma vero, l'ho comprato usato e non riesco a leggerlo senza pensare a tutte le persone che l'hanno letto prima di me e mi perdo a fantasticarci su.






2 commenti:

  1. Aaaah devo assolutamente farti cambiare idea su alcuni titoli *w* In primis, Il figlio del cimitero, che è qualcosa di meraviglioso. Insieme a Coraline è sicuramente il mio preferito di Gaiman. E' una storia davvero originale e l'ho amato da morire. Se Coraline ti è piaciuto, io ci proverei :) Anche la serie The Familiars mi è piaciuta davvero un sacco. Certo il target è infantile, ma è piacevolissima e per nulla scontata! I libri di questa serie sono veloci da leggere e pieni di illustrazioni, l'ideale per una lettura spensierata. E, cosa da non sottovalutare, tutti i libri della serie finora usciti sono arrivati da noi, mi sa si sta aspettando l'ultimo, che ancora non è uscito neanche in lingua però. Spezzo una lancia anche a favore di Stay che a me è piaciuto tanto, super romantico :)

    RispondiElimina
  2. Stay certamente non lo leggeró, non é proprio il mio genere, alla fine é questione di gusti, ma forse, durante l'estate daró uno sguardo a the familiars e il figlio del cimitero, dato che non sono neanche lunghi :)

    RispondiElimina